DONA ORA A DYNAMO CAMP
PATAGONIA COAST TO COAST
BRASILE, ARGENTINA, PARAGUAY, CILE

Un viaggio in bicicletta di ben 8.192 km tra Brasile, Paraguay, Argentina e Cile. Ad affrontarlo due esperti cicloturisti che hanno unito le loro più grandi passioni, la bici e le terre lontane, in quest'avventura alla fine del mondo. Paolo ed Enrico, questi i loro nomi, partiranno dalle meravigliose Cascate dell'Iguazú per arrivare ad Ushuaia, la città più a sud del mondo, attraversando la vasta pianura della Patagonia argentina. Al ritorno pedaleranno invece sulla Cordigliera delle Ande Cilene da Punta Arenas a Santiago del Cile, dove si concluderà il viaggio.

Dona Ora
Ricerca

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi

Il Blog del Cicloturismo
Il Portale del Cicloturismo
Commenti Recenti
    Eventi Travel Uncategorized

    Paolo

    By on gennaio 13, 2017

    9/10 gennaio

    Due tappe di avvicinamento senza particolari note, al netto che siamo di nuovo tornati in estate, da Paillaco a Lautaro, a los Angels; per cui vi dico in quante persone partire.

    Viaggiare prevede la scelta oltre che “verso dove” anche “con chi”.

    Io ho sempre viaggiato da solo.

    Trovo che “uno” sia il numero perfetto per mettersi in viaggio. I motivi sono chiari: quando sei solo devi svangare ogni situazione con i tuoi mezzi ed è l’esercizio più efficace per capire qual’è la tua empatia con il mondo. Senza compromessi o giustificazioni. Altro numero perfetto è il tre. In tre la relazione e le decisioni sono facili. Si va a destra o sinistra? Ci si ferma o si prosegue? Si sale o si scende? Tutto è gestito in via democratica: due su tre vince non ci sono mai discussioni.

    Viaggiare in due? Ecco che le cose si complicano.

    Nel prendere le decisioni la maggioranza non esiste, quindi, o si è perfettamente in sintonia o… Si è molto attenti. Faccio solo un esempio. Quando mettiamo piede a terra dalla bicicletta io appoggio il piede sinistro, Paolo il destro.

    Da lì in poi le nostre scelte sono tutte potenzialmente divergenti, eppure, sono quasi 60 giorni che condividiamo ogni istante della giornata che, in termini temporali, è più di quanto condividono certe copie in tutto un matrimonio, con la differenza che io e Paolo abbiamo avuto si e no due scazzi della durata di mezz’ora in totale.

    Viaggiare in due significa essere abbastanza sensibili per sapere che è una gestione continua degli eventi.

    Quando rinunciare e quando imporsi; quando lasciare e quando tenere. In definitiva Paolo per me è stato il compagno di viaggio ideale. Da lui ho imparato molto e grazia alla sua vivace intelligenza non avrei potuto trovare compagno di viaggio migliore; anche se mette il piede destro a terra.

    TAGS
    ARTICOLI CORRELATI
    Volver

    gennaio 27, 2017

    Santiago de Chile

    gennaio 17, 2017

    La gente è buona per natura

    gennaio 17, 2017

    Buon provecho!

    gennaio 12, 2017

    Viva Chile

    gennaio 11, 2017

    Arresti domiciliari

    gennaio 10, 2017

    Street Art

    gennaio 10, 2017

    Indesiderati in un albergo a ore

    gennaio 8, 2017

    Il buon anno si vede dal mattino

    gennaio 7, 2017

    Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

    Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

    Chiudi